www.micheleolivotto.it | Dov’è pazzia
238
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-238,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

I miei libri

Dov’è pazzia?

Titolo: Dov’è pazzia?
Anno di pubblicazione: 2015.
Genere: Romanzo ambientato in Canada, nell’anno 2001.
Casa editrice: Freccia d’oro, Cento (Ferrara).

Una meravigliosa storia di amore e di amicizia che vuole cercare, nel suo piccolo, di abbattere la fastidiosa realtà del pregiudizio.

Estratti:

CAPITOLO 17.

… Tutti e tre l’avevano appoggiato e sostenuto con il coraggio delle loro rinunce, con le loro lacrime di commozione negli addii ai loro amichetti, ai loro insegnanti, a quel loro presente che cedeva il passo al mistero dell’ignoto. Nella loro testa il “papà, ma cosa fai?” era rimbombato tante volte. Ma loro lo amavano. E quando un figlio ama il proprio genitore in maniera così profonda, farebbe qualsiasi cosa pur di assecondarlo, pur di non far sì che la sua scelta non si traduca in un pesante fardello…

 

CAPITOLO 31.

Omaggio ad uno sportivo, ad una “Persona” che ho tanto amato ed apprezzato per le sue virtù umane, prima che per le sue doti sportive: Marco Simoncelli, pilota e campione motociclistico, volato in Cielo in seguito ad un tragico incidente motociclistico in quel di Sepang (Malesia), il 23 ottobre 2011. … << Pronto, ospedale St. James! Mio figlio è caduto dalle scale!!! Fate presto!!! Perde molto sangue!!! Fate presto!!! >> << Cerchi di star calmo! Mi dia l’indirizzo… >>. << Ripsicstreet87ripsic87…rip…! >> << Vada piano! Ripeta lentamente! >>. << RIP-SIC-87!!! Svelti!!! Vi prego!!! >> << Cinque minuti e siamo lì! Intanto, cerchi di stare calmo! >>

 

CAPITOLO 26.

… << Matti! Matti! Matti! Adam, sei sicuro che non siano anche sordi, questi qua? Guarda, il biondo continua a guardare per terra e quello con la t-shirt bianca sta continuando a giocare con un sasso. Che facciamo? >> << Boh… Sam, prova a chiamarli ancora. Più forte. >> << Ok. Matti!! Matti!! >> A quel punto, Gordon sentì e disse: << Ehi, Larry! I piccoletti, i vicini, ci stanno chiamando! Senti! Senti! >> << Sì, ci stanno chiamando. Ci chiamano “matti”, però. A me non piace, Gordon, che ci chiamino così: è brutto! Lasciali continuare! Non rispondere! Si stancano da soli, tanto >>…

 

CAPITOLO 14.

… Il negoziante messicano divenne rosso d’imbarazzo quanto un peperoncino calabrese. Ammutolì. Così, Sam poté riprendere: << Lei scivola e si rompe una gamba? Cinquecento dollari! Si taglia il braccio con un coltello? Duemila dollari! E se muore diventa ricco… ricchissimo! >>

 

CAPITOLO 3.

Un mantello nero, drappeggiato di stelle, era sceso su Greenwood. Lo scorrere del tempo era scandito dal quasi impercettibile roder di ghianda di uno striato e peloso scoiattolo del parco Greystone, felicemente solo nel poter assaporare in tranquillità, usando un ramo di quercia come trapezio da circo e rimanendo a testa in giù, il prezioso frutto dei suoi affanni giornalieri…